android logo
logo (2)
applelogo
logo-salvaunagnello[3]
man
man
logo postorino
banner[1]
Giornale radio 19.30
Giornale radio 12.30
news
Notizie

02/04/2014, 13:58

pane, solidariet, economy



Pane-in-sospeso-come-il-caffe’-per-chi-non-puo’-comprarlo.-La-sharing-economy-conquista-Napoli-e-Messina


 Dopo il caffè sospeso a Napoli arriva il pane sospeso. La consuetudine ottocentesca che prevedeva che i clienti più abbienti dei locali napoletani pagassero per le persone che non potevano permetterse



Dopo il caffè sospeso a Napoli arriva il pane sospeso. La consuetudine ottocentesca che prevedeva che i clienti più abbienti dei locali napoletani pagassero per le persone che non potevano permetterselo passa dai banconi dai bar a quelli dei forni.A lanciare l’iniziativa all’insegna della sharing economy e della condivisione sono stati il Presidente dell’Unipan, l’associazione panificatori della Campania, Mimmo Filosa ed il membro dell’ esecutivo nazionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. La regola del "pane sospeso" è uguale a quella del "caffè": dopo aver comprato il pane si può decidere di "acquistarne" altro per i più bisognosi. Il personale lo darà riservatamente a chi ne ha bisogno."Sono davvero tante le persone che hanno difficoltà oramai anche ad acquistare un pezzo di pane. Questa iniziativa - spiegano Filosa e Borrelli - vuole aiutarle in modo concreto e saremo anche molto discreti nel fornire aiuto perchè molte famiglie si vergognano di manifestare la propria povertà".Ma la solidarietà, si sa, non ha confini. E a Napoli si unisce anche Messina con il suo pane in attesa. Qui sono già 4 i panifici in cui si può decidere di "acquistarne" altro per i più bisognosi. L’iniziativa, in questo caso, è promossa dall’associazione Invisibili onlus di Messina, e ha sempre l’obiettivo di far arrivare il pane a chi, disgraziatamente, ha "il portafogli vuoto"."Abbiamo deciso di aderire all’iniziativa perché ci sembra importante. Noi fornai sappiamo bene che oggi anche comprare un chilo di pane è un costo per alcuni difficile da sostenere - sottolinea secondo quanto riporta redattore sociale Simona Bronchi, titolare del panificio La spiga d’oro, uno dei panifici coinvolti nel progetto -. Ma è un bene importante e permette di sfamare le persone".Un piccolo gesto di condivisione per aiutare le famiglie in grave difficoltà a causa, principalmente, della crisi che ha messo in ginocchio l’Italia, che non possiamo che augurarci venga replicato in tante altre città.


1
ricerca news:
Le più lette

OPERAZIONE RESET
serena1[1]
banner[1]
SEGNALA LA NOTIZIA! Se vuoi segnalarci una notizia che riguarda la tua città, puoi mandarci una mail dalla sezione CONTATTI. Sarà inserita nei GR e sul nostro blog.
Scarica GRATIS il best seller che cambierà il vostro modo di mangiare!
the_china_study
torna su
Create a website